Comunicati

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie policy

 

Cookie
I cookie sono piccole porzioni di dati che vengono memorizzate e utilizzate per migliorare l'esperienza di utilizzo di un sito.
Ad esempio possono ricordare temporaneamente le tue preferenze di navigazione per evitarti di selezionare tutte le volte la lingua, rendendo quindi le visite successive più comode e intuitive.
Oppure possono servire per fare dei "sondaggi anonimi" su come gli utenti navigano attraverso il sito, in modo da poterlo poi migliorare partendo da dati reali.
I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

I cookie non sono virus o programmi

I cookie non sono virus o programmi. I cookie sono solamente dati salvati in forma testuale nella forma "variabile=valore" (esempio: "dataAccessoSito=2014-01-20,14:23:15″). Questi dati possono essere letti solamente dal sito che li ha generati, e in molti casi hanno una data di scadenza, oltre la quale il browser li cancellerà automaticamente.
Non tutti i cookie vengono utilizzati per lo stesso scopo: di seguito verranno specificate le diverse tipologie di cookie utilizzati da questo sito web.

Cookie indispensabili
Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi non potranno funzionare correttamente.

Performance cookie
Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ma non memorizzano informazioni che identificano un visitatore. Questi cookie vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento del sito web.
Utilizzando il sito l'utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

Cookie di funzionalità
I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall'utente (come la lingua o altre impostazioni speciali eventualmente disponibili) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate, e possono anche essere utilizzati per fornire i servizi richiesti. Utilizzando il sito l'utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC
Ogni browser consente di personalizzare il modo in cui i cookie devono essere trattati. Per ulteriori informazioni consultare la documentazione del browser utilizzato.
Alcuni browser consentono la "navigazione anonima" sui siti web, accettando i cookie per poi cancellarli automaticamente al termine della sessione di navigazione. Per ulteriori informazioni riguardo la "navigazione anonima" consultare la documentazione del browser utilizzato.

Google Analytics
Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google. Google Analytics utilizza i cookies per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web (compreso il Vostro indirizzo IP anonimo) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati.
Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l'elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en



Strasburgo, 14 febbraio - “I pazienti non devono incontrare ostacoli per accedere ai trattamenti innovativi. Le nuove terapie devono essere accessibili a tutti”, questo il commento del Presidente degli eurodeputati di Forza Italia Elisabetta Gardini dopo l’approvazione in Parlamento del regolamento relativo alla valutazione delle tecnologie sanitarie.

La proposta intende essenzialmente procedere a una valutazione clinica congiunta della tecnologia sanitaria a livello europeo e un'armonizzazione dei criteri nella valutazione clinica dei medicinali che incentivi un'innovazione di qualità e consenta di distinguere le tecnologie che presentano un chiaro valore aggiunto.

“Grazie a questo provvedimento, farmaci e terapie innovative saranno più accessibili” prosegue l’on. Gardini. A trarne beneficio anche l’innovazione e il miglioramento della competitività del settore sanitario europeo, che rappresenta il 10% del PIL dell’UE, con un totale di 1300 miliardi.

“Da anni lavoro con le associazioni dei pazienti, in particolare con i malati di cancro, per garantire un accesso a livello europeo in tempi rapidi. L’approvazione di questo provvedimento è un passo determinante nella giusta direzione” ha concluso Elisabetta Gardini.

 



Roma, 13 febbraio - “È impossibile comprendere come la Procura generale di Brescia abbia dato il suo assenso alla richiesta di grazia per l’ex terrorista Heinrich Oberleiter, ma fortunatamente sarà il Presidente della Repubblica a decidere in ultima istanza e confidiamo sempre nella sua saggezza.

Chi si è macchiato di omicidi brutali come Oberleiter e non ha mai scontato un giorno di carcere, ma ha invece condotto una pluridecennale latitanza all’estero non merita alcun perdono. Così come non lo ha meritato Battisti non lo merita nessun altro.

Gli uomini dello Stato che hanno servito il Paese nei Corpi speciali di polizia per l’Alto Adige negli anni ‘60 meritano la nostra riconoscenza, il nostro rispetto e chi tra loro ha sacrificato la sua vita per proteggerci merita di essere onorato e ricordato, così come le loro famiglie la vicinanza di tutta la Comunità nazionale. Pensare di graziare chi ha ucciso dei Servitori dello Stato grida vendetta davanti a Dio, sarebbe un oltraggio alle vittime e ai loro familiari oltre che un enorme disonore per l’Italia.”

Così l’europarlamentare e capogruppo di Forza Italia, Elisabetta Gardini. (Agenpress)

 



Gardini (FI): Ue in campo per far fronte a calamità

Strasburgo, 12 febbraio - Risorse comuni per rispondere in modo più rapido ed efficace alle catastrofi, potenziamento delle capacità di intervento nazionali, nuovi mezzi per il fondo di risorse "RescEU" come aerei antincendio e ospedali da campo.

È quanto prevede la riforma del Meccanismo di protezione civile Ue, approvata oggi dal Parlamento europeo a Strasburgo con 620 voti favorevoli, 22 contrari e 35 astensioni.

"Siamo pronti. Grazie al voto di oggi l'Unione europea sara' in grado di aiutare gli Stati membri per far fronte alle calamita'", ha commentato la relatrice del testo, l'eurodeputata di Forza Italia Elisabetta Gardini.

"In occasione degli incendi devastanti in Portogallo nel 2017 si e' manifestata l'incapacita', in Europa, di far fronte a emergenze che si verifichino in contemporanea", ha ricordato Gardini, spiegando che e' proprio per questo motivo che "ora viene messo in campo RescEU, un insieme di mezzi aggiuntivi rispetto a quelli gia' esistenti".

Il testo, che entrerà in vigore dopo l'approvazione finale del Consiglio e sarà applicabile entro l'estate, istituisce su richiesta del Parlamento il fondo di risorse "RescEU", che metterà a disposizione mezzi aerei per combattere gli incendi boschivi, unità di pompaggio ad alta capacità, ospedali da campo e squadre mediche di emergenza da utilizzare in ogni tipo di emergenza. (ANSA)

 



Strasburgo, 12 febbraio - “Siamo pronti. Grazie al voto di oggi l’Unione europea sarà in grado di aiutare gli Stati membri per far fronte alle calamità.”

Questo il commento dell’On. Elisabetta Gardini, relatrice del dossier, dopo il voto finale del Parlamento europeo a favore del miglioramento del meccanismo di protezione civile europea.

"In occasione degli incendi devastanti in Portogallo nel 2017 si è manifestata l’incapacità, in Europa, di far fronte a emergenze che si verifichino in contemporanea. Per questo ora viene messo in campo RescEU, un insieme di mezzi aggiuntivi rispetto a quelli già esistenti. Non è stato sempre facile affrontare le reticenze di alcuni Stati che temevano l’ingerenza da parte dell´Europa ma alla fine le abbiamo superate grazie al lavoro del Parlamento e abbiamo ora questo strumento che potrà essere in campo già per la prossima estate. I cittadini europei hanno bisogno di risposte concrete ed efficaci", ha proseguito l’onorevole Elisabetta Gardini.

Commentando anche l’ampia maggioranza ottenuta nella votazione, l`On. conclude: "Vorrei dedicare questo importante risultato a Giuseppe Zamberletti, il papà della protezione civile italiana, che non ha mai fatto mancare il suo appoggio e i suoi consigli per rescEU. Il nuovo meccanismo prevede la possibilità di conferire medaglie alle figure meritevoli nella Protezione Civile. Dovremmo iniziare con un riconoscimento speciale proprio per Giuseppe Zamberletti.”

 



Bruxelles, 11 febbraio - "Abbiamo bisogno di una pace che poggi su giustizia e perdono, come ci ha insegnato San Giovanni Paolo II. E non c'è dubbio che togliere le pensioni ai complici dei reati titini vada in questa direzione. Ma abbiamo bisogno soprattutto che ai testi di storia su cui studiano i nostri ragazzi non vengano più strappate le pagine ritenute scomode.

Per questo i testi di storia dovrebbero essere vagliati dalle università e non da associazioni partigiane, che come dice la parola stessa, non possono che essere di parte".

Così l'europarlamentare e capogruppo di Forza Italia Elisabetta Gardini. (9Colonne)

 



Roma, 10 febbraio - "Il televoto o è un processo serio o non è. Ribaltare il verdetto popolare di persone che hanno speso da 0,51 a 5 euro - considerando che si potevano dare 5 voti per 2 - per dare il proprio parere e partecipare è un segnale molto brutto e poco trasparente".

Elisabetta Gardini, europarlamentare e capogruppo di Forza Italia, interviene sul dibattito che si è acceso intorno al televoto del festival di Sanremo: "La vittoria della canzone Soldi, che ha creato fischi e molti imbarazzi, avviene solo in nome di una giuria che evidentemente è più interessata ad educare il popolo, nel nome del politically correct, che non a formulare un giudizio di merito". (ANSA)

 



Roma, 09 febbraio - "L'eccidio delle Foibe non fu una ritorsione contro i fascisti, ma un odio intollerabile, etnico e sociale, contro gli italiani. Il capo dello Stato Mattarella, nella Giornata del Ricordo al Quirinale, con parole forti ristabilisce dal punto di vista istituzionale una verita' taciuta per 50 anni. Una storia di sangue e dolore, di ingiustizia e prevaricazione, relegata nell'oblio e purtroppo minimizzata proprio da quegli storici negazionisti che hanno concesso alle Foibe solo poche righe sui libri di scuola. Si è trattato di pulizia etnica, inutile negarlo, seppellita da una ragion di Stato che aveva come unico obiettivo quello di dimenticare. Oggi le Foibe e l'esodo giuliano-dalmata possono avere finalmente giustizia, anche se tardiva, ma non ci fermeremo finchè la verità non sarà ristabilita". Così l'europarlamentare e capogruppo di Forza Italia, Elisabetta Gardini. (Nova)

 



Bruxelles, 7 febbraio - "Dopo mesi di intenso lavoro, abbiamo ottenuto un buon risultato sul Piano Pluriennale (MAP) per le specie demersali come nasello, scampo, triglia, gambero nel Mar Mediterraneo Occidentale (West Med).

Consiglio, Commissione e Parlamento europeo hanno trovato un accordo equilibrato che salvaguarda la piccola pesca e tutela il mare, i pesci e il settore ittico.

Una battaglia che porto avanti da tempo insieme ai nostri pescatori per evitare l’introduzione di quote e la chiusura di zone di pesca a strascico entro certi limiti che non tengono conto delle specificità delle coste italiane.

I nostri pescatori potranno quindi continuare a svolgere il loro lavoro attuando misure di gestione volte alla tutela degli stock. Si tratta di misure di riduzione e fermo pesca che finalmente considerano l’impatto socio-economico e garantiscono continuità e occupazione nel settore della pesca.

Attendiamo ora l’approvazione dell’accordo provvisorio in Commissione Pesca del Parlamento Europeo e in Plenaria a fine marzo."

Così in una nota l'On. Elisabetta Gardini, Capogruppo di Forza Italia al Parlamento Europeo.

 



Roma, 7 febbraio - "Questa mattina iniziata ad Agorà l'ennesima insopportabile sceneggiata a 5 stelle. L'analisi costi - benefici sulla TAV è cosa loro, perché il ministro ai trasporti chiamasi Toninelli e decide lui.

Dobbiamo farcene una ragione, secondo loro. Per anni hanno urlato e si sono strappati le vesti perché tutto - anche se in fase di analisi, negoziato o mediazione - doveva essere 'pubblico', 'pubblicato', meglio ancora se in streaming. . . condiviso financo con gli animali di casa e adesso che ci troviamo di fronte alla Tav, a un'opera determinante per lo sviluppo del Paese arriva il contrordine compagni.

I pentastellati si confermano ancora una volta i più inaffidabili trasformisti della storia della Repubblica. Di sinistra estrema ovviamente. Solo da quelle parti la verità è quella che conviene al partito! Bisogna mandarli a casa. Rivolgo un appello a Matteo Salvini: basta pane e Nutella ai 5 stelle, mandateli a casa, fate qualcosa'. Torniamo come centrodestra a governare a Roma, veniamo a Bruxelles a sistemare anche la pratica europea".

Così l'europarlamentare e capogruppo di Forza Italia, Elisabetta Gardini. (9Colonne)

 



Bruxelles, 5 febbraio - La Tav Torino-Lione "è un'opera fondamentale. Se dovessimo seguire le argomentazioni di Danilo Toninelli, saremmo ancora all'età della pietra e non avremmo inventato neanche la ruota". Lo dice la capo delegazione di Forza Italia Elisabetta Gardini nel Parlamento Europeo, a Bruxelles a margine dell'inaugurazione di una mostra dedicata all'esilio dei giuliani, degli istriani e dei dalmati alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

"Il problema - continua l'eurodeputata - è che i Cinque Stelle hanno potuto nascondersi dietro il 'lo decide la Rete' fintanto che non stavano al governo. Nel momento in cui sono andati al governo, sono uscite le loro contraddizioni: per tenere insieme l'elettorato più disparato non possono decidere nulla. E questo è quanto di più deleterio ci sia per un Paese. E' molto meglio chiudere questa esperienza di governo, se deve prevalere il Toninelli-pensiero, e formare un governo di centrodestra".

"È chiaro che tutto quello che sta dicendo Salvini, magari detto con toni diversi, è quello che stava nel nostro programma comune e quindi noi lo appoggiamo. Ma quando andiamo nel versante Cinquestelle abbiamo il peggior governo di sempre. Neanche nei peggiori incubi ci si poteva figurare che sarebbe andato al governo in Italia il partito del no", conclude. (AdnKronos)