Comunicati

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie policy

 

Cookie
I cookie sono piccole porzioni di dati che vengono memorizzate e utilizzate per migliorare l'esperienza di utilizzo di un sito.
Ad esempio possono ricordare temporaneamente le tue preferenze di navigazione per evitarti di selezionare tutte le volte la lingua, rendendo quindi le visite successive più comode e intuitive.
Oppure possono servire per fare dei "sondaggi anonimi" su come gli utenti navigano attraverso il sito, in modo da poterlo poi migliorare partendo da dati reali.
I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

I cookie non sono virus o programmi

I cookie non sono virus o programmi. I cookie sono solamente dati salvati in forma testuale nella forma "variabile=valore" (esempio: "dataAccessoSito=2014-01-20,14:23:15″). Questi dati possono essere letti solamente dal sito che li ha generati, e in molti casi hanno una data di scadenza, oltre la quale il browser li cancellerà automaticamente.
Non tutti i cookie vengono utilizzati per lo stesso scopo: di seguito verranno specificate le diverse tipologie di cookie utilizzati da questo sito web.

Cookie indispensabili
Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi non potranno funzionare correttamente.

Performance cookie
Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ma non memorizzano informazioni che identificano un visitatore. Questi cookie vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento del sito web.
Utilizzando il sito l'utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

Cookie di funzionalità
I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall'utente (come la lingua o altre impostazioni speciali eventualmente disponibili) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate, e possono anche essere utilizzati per fornire i servizi richiesti. Utilizzando il sito l'utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC
Ogni browser consente di personalizzare il modo in cui i cookie devono essere trattati. Per ulteriori informazioni consultare la documentazione del browser utilizzato.
Alcuni browser consentono la "navigazione anonima" sui siti web, accettando i cookie per poi cancellarli automaticamente al termine della sessione di navigazione. Per ulteriori informazioni riguardo la "navigazione anonima" consultare la documentazione del browser utilizzato.

Google Analytics
Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google. Google Analytics utilizza i cookies per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web (compreso il Vostro indirizzo IP anonimo) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati.
Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l'elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en



L'Aquila, 18 luglio - "Per Bertolaso un calvario giudiziario che termina con una sentenza di assoluzione in appello con formula dubitativa per il terremoto del 2009. Una formula che ci lascia un pò l'amaro in bocca. Avremo modo di leggere le motivazioni. Resta il fatto che questa vicenda, che aveva suscitato molte perplessità e polemiche anche all'estero, ha impedito che un uomo come l'ex capo della Protezione Civile potesse continuare a mettere le sue grandi capacità e competenze al servizio del proprio Paese". Così in una nota, il giorno dopo la sentenza, il capogruppo Forza Italia al Parlamento Europeo, Elisabetta Gardini. "Un uomo apprezzato per tutto quello che ha saputo fare nelle situazioni d'emergenza in Italia e non solo, a cui abbiamo dovuto rinunciare. Purtroppo nessuno pagherà per questo danno al Paese", conclude Gardini. (Ansa)

 



Roma, 18 luglio - "Le crisi industriali da risolvere le conosciamo tutti, i tavoli aperti sappiamo quali sono, Alitalia, Ilva, Tim, call center, i più importanti, in tutto sarebbero, come spiega il ministro Di Maio al Parlamento, 144 con 189 mila lavoratori coinvolti. Grande passione da parte del capo 5S quando rassicura sulla buona volontà, sulla presenza ai tavoli della sua stessa persona e del suo ministero, ci mancherebbe, in prima, primissima linea, con l'obiettivo di trovare soluzioni. Ecco appunto, al momento, oltre a quella che pare ansia da prestazione, c'è solo il prospetto della situazione, uno sterile elenco a cui però non segue alcuna indicazione di percorsi possibili per superare le complicatissime crisi. Siamo ancora a 'caro amico', tutto il resto è da scrivere ma il tempo a disposizione non è infinito". Così in una nota, l'europarlamentare Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia al Parlamento Europeo. (Dire)

 



Roma, 17 luglio - "Forse qualcuno dovrebbe consigliare a Di Maio di passare più tempo al ministero del Lavoro invece che continuare ad andare freneticamente in giro per tutta l'Italia. La campagna elettorale è finita da un pezzo e qualche ora in ufficio magari gli consentirebbe di studiare e leggere con calma i suoi provvedimenti con relative valutazioni, stime e analisi delle Istituzioni preposte, e gli eviterebbe di fare danni e brutte figure come è capitato con il decreto Dignità, vicenda che gli è letteralmente sfuggita di mano, altro che 'manina'. Quanto alla volontà di accelerare l'iter del controverso testo in Parlamento, è frutto di cattivi, pessimi consigli, meglio procedere senza fretta per consentire un esame approfondito e considerare la possibilità di modifiche, vedi quelle fortemente richieste da Forza Italia e dalla Lega, prima tra tutte la reintroduzione dei voucher: quando si tratta di riforme che riguardano crescita e occupazione non sono ammessi passi falsi perchè ne va del nostro futuro". Così l'europarlamentare Elisabetta Gardini, capogruppo di FI al Parlamento Europeo. (AGI)

 



Roma, 16 luglio - "Esprimo la mia solidarietà al capo redattore del Gazzettino di Venezia Ario Gervasutti, per il gravissimo atto intimidatorio di cui è stato oggetto. Dobbiamo difendere con ogni mezzo la libertà di stampa, i giornali, i giornalisti, dobbiamo schierarci contro le minacce e i ricatti perchè così difendiamo anche la nostra democrazia. Non è ammesso scherzare, fare battute, su questi valori come pare abbia fatto finta di dimenticare qualcuno nei giorni scorsi. Innanzitutto chi ha in mano il potere, chi lo gestisce, chi è al governo non si deve permettere determinate affermazioni mascherate da 'burla'". Così l'europarlamentare di FI, Elisabetta Gardini. (AGI)

 



Roma, 16 luglio - "L'Italia soffre di un male assoluto che è il basso tasso di occupazione che nel nostro Paese è il più basso d'Europa , più basso persino di quello della Grecia. Quindi sentir dire, a proposito del dl dignità, da un professore che per fortuna non ha responsabilità di governo ma è comunque molto vicino ai 5 stelle, che perdere 8000 posti di lavoro è niente, è molto preoccupante. Dovrebbe dire invece come creare 800 mila posti di lavoro". Cosi' Elisabetta Gardini, europarlamentare Forza Italia, intervenuta oggi a "L'aria che tira estate" su LA7.

"Mi preoccupa dunque questa schizofrenia che c'è al Governo- aggiunge- perchè a sentir dire questo dai 5 stelle ci si chiede com'è possibile coniugarlo, renderlo compatibile con un programma di centro destra come quello della Lega. Per questo credo che questo governo non durerà molto. Sul discorso dell'Inps e dei migranti che ci vogliono Boeri ha detto delle balle colossali perchè ci sono studi che dicono l'esatto contrario. E cito quello condotto dall'università Bicocca di Milano su cui hanno titolato: Bomba sulle pensioni, gli immigrati faranno fallire l'INPS", termina Gardini. (Dire)

 



Roma, 16 lug. - "I Cinquestelle anche a Bruxelles tentano di mettere veti su tutto. La Tap è un progetto strategico per l'Europa e, cosa ancora più importante, per l'Italia. Noi abbiamo l'energia che ci costa il 30% in più della media europea". Cosi' Elisabetta Gardini, capogruppo Forza Italia all'europarlamento, intervenuta oggi a 'L'aria che tira estate' sulla LA7.

"E adesso - prosegue - secondo loro dovremmo bloccare un progetto fondamentale per la diversificazione e quindi la sicurezza dell'approvvigionamento e che ci porta del gas che è una delle fonti di energia più pulite? Dovremmo bloccare otto chilometri di tubature in un paese che ne ha già 30000? Tutto ciò è strumentale! Vogliono spaventare la gente. E' una cosa scandalosa! Sono il partito del no all'ennesima potenza. Con loro l'Italia torna nel medioevo", conclude. (Dire)

 



Roma, 15 lug. - "Da come si muovono in Europa posso confermare come i grillini siano indietro anni luce rispetto alla soluzione concreta dei problemi reali. Non conoscono il Paese, non sanno come si governa, non hanno la giusta esperienza e credibilità per rapportarsi. E mentre il Dl Dignità rappresenta solo uno specchietto per allodole scontato e demagogico la disoccupazione aumenta e non se lo inventano certo i funzionari del ministero dell'Economia. La preoccupazione sollevata da Silvio Berlusconi oggi credo sia condivisibile da tutto il popolo di centrodestra e da chiunque abbia davvero a cuore le sorti del Paese". E' quanto dichiara l'europarlamentare Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia al Parlamento Europeo. (Dire)

 

 



Roma, 13 luglio - "Contro Rocco Casalino, il bullo che minaccia i giornalisti mentre stanno facendo il loro lavoro, non basta una denuncia all'ordine dei giornalisti, al quale è immeritatamente iscritto, e una severa reprimenda, o meglio la cacciata dall'ordine stesso. Serve molto di più. Serve, come risarcimento per l'offesa fatta alla democrazia e alla libertà di stampa, che il premier Giuseppe Conte lo allontani dal suo ruolo di portavoce a Palazzo Chigi. Sempre che la Casaleggio gli dia il permesso. Torni a fare le sue minacce di censura fascista dentro il Movimento 5 stelle, dove, come ha raccontato bene Salvatore Merlo sul Foglio, sono abituati ad accettare passivamente gli ordini della cupola al comando obbedendo come burattini, gridando in manifestazioni a comando slogan suggeriti e agitando palloncini all'altezza che gli viene ordinata. Uno spettacolo poco dignitoso per la democrazia. Stare al governo è una cosa diversa, richiede rispetto e dignità. Quanto a Rocco Casalino, torni nella casa del Grande Fratello, dove sarà sicuramente più a proprio agio che nelle aule dove si esercita il dettato costituzionale". E’ quanto dichiara l'europarlamentare Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia al Parlamento Europeo.

 



“La reintroduzione dei voucher in alcuni settori come agricoltura e turismo è un primo passo in avanti ma è insufficiente. L’impianto del provvedimento se non verrà del tutto rivisto danneggia le imprese. Bisogna modificare la disciplina dei contratti a termine”: lo afferma Elisabetta Gardini, europarlamentare Ppe.

 



Roma, 11 luglio - “Piena solidarietà e pieno sostegno giungano al ministro dell’Interno Salvini da tutte le forze politiche senza distinzione alcuna. Inammissibili e sconcertanti le minacce comparse a Parma. Da destra a sinistra, tutti dicano no alla violenza”. E’ quanto dichiara l'europarlamentare Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia al Parlamento Europeo.