Comunicati

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie policy

 

Cookie
I cookie sono piccole porzioni di dati che vengono memorizzate e utilizzate per migliorare l'esperienza di utilizzo di un sito.
Ad esempio possono ricordare temporaneamente le tue preferenze di navigazione per evitarti di selezionare tutte le volte la lingua, rendendo quindi le visite successive più comode e intuitive.
Oppure possono servire per fare dei "sondaggi anonimi" su come gli utenti navigano attraverso il sito, in modo da poterlo poi migliorare partendo da dati reali.
I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

I cookie non sono virus o programmi

I cookie non sono virus o programmi. I cookie sono solamente dati salvati in forma testuale nella forma "variabile=valore" (esempio: "dataAccessoSito=2014-01-20,14:23:15″). Questi dati possono essere letti solamente dal sito che li ha generati, e in molti casi hanno una data di scadenza, oltre la quale il browser li cancellerà automaticamente.
Non tutti i cookie vengono utilizzati per lo stesso scopo: di seguito verranno specificate le diverse tipologie di cookie utilizzati da questo sito web.

Cookie indispensabili
Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi non potranno funzionare correttamente.

Performance cookie
Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ma non memorizzano informazioni che identificano un visitatore. Questi cookie vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento del sito web.
Utilizzando il sito l'utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

Cookie di funzionalità
I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall'utente (come la lingua o altre impostazioni speciali eventualmente disponibili) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate, e possono anche essere utilizzati per fornire i servizi richiesti. Utilizzando il sito l'utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC
Ogni browser consente di personalizzare il modo in cui i cookie devono essere trattati. Per ulteriori informazioni consultare la documentazione del browser utilizzato.
Alcuni browser consentono la "navigazione anonima" sui siti web, accettando i cookie per poi cancellarli automaticamente al termine della sessione di navigazione. Per ulteriori informazioni riguardo la "navigazione anonima" consultare la documentazione del browser utilizzato.

Google Analytics
Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google. Google Analytics utilizza i cookies per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web (compreso il Vostro indirizzo IP anonimo) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati.
Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l'elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en

Nuovo Sito

VISITA IL MIO NUOVO SITO!

 

www.elisabettagardini.com

 
 
 


Roma, 30 giu. (LaPresse) - "Abbiamo una priorità e non ce ne eravamo accorti: la legalizzazione delle droghe leggere. A quanto pare per la maggioranza, che su questo si è già divisa, l'argomento più importante da discutere durante l'estate 2016 sarà la legalizzazione e il consumo di cannabis. Su quanti grammi di Marijuana poter portare in tasca e quante piantine poter coltivare sul balcone di casa. Siamo veramente al ridicolo". Lo dichiara Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia all'europarlamento. "Con un Paese in piena emergenza economica, soffocato dalle tasse e bisognoso di riforme vere e non delle pseudo riformette di Renzi - aggiunge - il centrosinistra pensa bene di iniziare una discussione sulle droghe leggere. Dobbiamo assolutamente disfarci di questo disastroso governo, che approva solo provvedimenti più che discutibili come le nozze e l'adozione per le coppie gay e ora la legalizzazione delle droghe leggere".



ROMA (ITALPRESS) - "Questo Governo procede a tentoni, a colpi di fiducia, senza mai risolvere i problemi dei cittadini, anzi, spesso creandone altri maggiori. Oggi e' stata la volta del decreto banche, ma subito dopo l'ennesimo voto di fiducia e' arrivata anche la notizia che a settembre si riaprira' la discussione sull'Italicum". Lo dice Elisabetta Gardini, capogruppo Forza Italia all'Europarlamento. "Siamo allo sbando piu' totale - continua -. In piu' di una occasione Renzi ha dichiarato che la legge elettorale era intoccabile, adesso ci ha ripensato. Evidentemente ha capito che i suoi consensi sono al lumicino, quindi tenta le mosse piu' disperate. A Renzi rispondiamo con un messaggio renziano: stai sereno, perche' tra settembre e ottobre verranno smontate tutte le sue riforme approvate a colpi di fiducia, dall'Italicum alla riforma costituzionale. E a lui non restera' che tornarsene a Firenze". (ITALPRESS)

 


(DIRE) Roma, 28 giu. - "La relazione di oggi del presidente di Confartigianato Giorgio Merletti suona come un vero e proprio scandalo nei confronti del governo Renzi. Lui che aveva promesso che con i suoi interventi avrebbe ripianato tutti i debiti della Pubblica amministrazione nei confronti delle aziende fornitrici, a distanza di due anni dalla sua promesse si sente dire che i debiti commerciali accumulati dalla Pa ad oggi ammontano a 65 miliardi di euro". Lo dice l'europarlamentare di Fi Elisabetta Gardini, che continua: "Tutti soldi attesi da piccole aziende e da artigiani che hanno lavorato per il pubblico e che non sono ancora riusciti a riscuotere. Chiediamo allora al premier Renzi e al suo governo dove siano le riforme tanto osannate che avrebbero portato cambiamenti epocali, che avrebbero pagato nel giro di pochi giorni i fornitori della Pa". "La realta'- conclude Gardini- e' che non c'e' stata nessuna riforma epocale, le nostre aziende sono sempre piu' schiacciate da tasse e burocrazia e questo nonostante le sue inutili riforme. Per gli imprenditori italiani Renzi dovrebbe fare una sola cosa: dimettersi". (Com/Pol/ Dire)



(AdnKronos) - "Una valanga di assunzioni esterne sta travolgendo la Rai: gli ultimi arrivi, come Semprini da Sky, sono oramai all'ordine del giorno. Possibile che i vertici della Rai non abbiano individuato professionisti interni a viale Mazzini n grado di essere al livello degli esterni? La domanda e' ovviamente retorica perché è evidente che dietro queste decisioni si nasconde una volontà precisa. Assistere alla mortificazione delle risorse interne della Rai e' davvero sconcertante e ingiusto. Giustamente i giornalisti Rai hanno deciso di togliere la propria firma dai servizi per protestare contro questo meccanismo irrispettoso. Si sta sbagliando decisamente senso di marcia. Che dire poi della decisione di sopprimere programmi d'informazione come 'Virus' di Nicola Porro per dare spazio a format come Gazebo? Un conto e' innovare, un altro coprire di ridicolo la Rai con colpi pirotecnici". Lo dichiara Elisabetta Gardini, capogruppo di Fi al Parlamento europeo.



ROMA (ITALPRESS) - "Alla luce dei risultati delle amministrative e' evidente che un cambiamento e' inevitabile in tutti i partiti. Tutte le riflessioni, compresa quella di Giovanni Toti, possono costituire un supporto alla riflessione che va avviata nel centrodestra, ma un punto e' imprescindibile: il perno del progetto di Forza Italia e del centrodestra resta Silvio Berlusconi. La sua leadership ha permesso al nostro partito di superare anche i momenti piu' difficili e quindi ora la sua guida sara' determinante per tracciare la road map di Forza Italia e del centrodestra. Guardiamo fiduciosi al nostro futuro perche' sappiamo che oggi il progetto dei moderati e' necessario piu' che mai alla luce del forte astensionismo che ha caratterizzato l'ultima consultazione elettorale. Con Silvio Berlusconi siamo pronti a ritornare tra i cittadini con ancora piu' determinazione e voglia di fare bene". Lo afferma in una nota Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia all'Europarlamento. (ITALPRESS).



(ilVelino/AGV NEWS) Roma, 20 GIU - "Il premier Renzi e' avvisato: gli italiani non lo vogliono. Dal voto sulle amministrative emerge forte e chiaro che i cittadini non ne possono piu' di lui e del renzismo. Il partito di governo subisce una disfatta a Roma, perde citta' storiche come Torino e a Milano vince di un soffio. Se Beppe Sala non avesse incassato una manciata di voti in piu' il ko sarebbe stato totale. Al contrario il centrodestra se si presenta unito vince, come dimostra la bellissima performance di Parisi a Milano ma soprattutto come ha fatto Roberto Dipiazza a Trieste. Abbiamo idee, possibilita' e progetti per riprenderci le nostre citta' e il Paese. Dobbiamo rimetterci a lavorare per un grande progetto riformista e liberale". Lo afferma in una nota l'europarlamentare Elisabetta Gardini (FI).



Roma, 19 giu. (AdnKronos) - "Il pessimo spettacolo che il Pd sta mettendo in scena sui social network sul 'caso' Raggi denota tutto il nervosismo di un partito allo sbando, che invece di puntare sul proprio candidato e sul proprio programma, mira solo a infangare l'avversario". Lo afferma Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia all'Europarlamento. "Tattica nota, quella della sinistra: - osserva - anni di antiberlusconismo sono ancora freschi nella memoria degli italiani, che hanno capito benissimo che chi non ha programmi e idee può solo ricorrere a metodi subdoli per delegittimare l'avversario", conclude.



(DIRE) Roma, 18 giu. - "La mancata autorizzazione da parte del presidente Grasso di uno spazio in Senato per ospitare la presentazione di un libro su Enzo Tortora ha fatto mandare su tutte le furie il Nuovo centrodestra, a iniziare da Cicchitto e Sammarco che hanno mostrato piu' di un segno di sofferenza nei confronti del Partito democratico, criticando il partito di Renzi e lo stesso Grasso. Il sottosegretario Vicari, anche lei in quota Ncd, ha tutt'altra opinione dato che, con un lungo comunicato stampa, ha disquisito su questa vicenda, sottolineando come ogni polemica o critica nei confronti di Grasso sia pretestuosa. Ma la Vicari per caso e' passata nel Pd?". Lo dice Elisabetta Gardini, capogruppo Forza Italia all'Europarlamento. (Com/Pol/ Dire)



Roma, 18 giu. (AdnKronos) - "Tutto ci saremmo aspettati tranne che assistere all'ennesima falla nella gestione Campo Dall'Orto in Rai. Le dimissioni del capo dell'internal auditing della Rai, Gianfranco Cariola, secondo quanto apprendiamo da informazioni giornalistiche, sono legate a motivazioni che mettono in luce superficialità e disattenzione da parte di chi, al contrario, è chiamato a guidare viale Mazzini con rigore e responsabilità". Lo dichiara Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia al Parlamento europeo. "Apprendiamo dell'assenza delle procedure minime di trasparenza nei processi di affidamento e, in molti episodi, anche delle verifiche sui fornitori. Come mai si sta procedendo in questo modo? E perché invece di valorizzare le risorse interne della Rai si continua a fare scouting e acquisti all'esterno? Mi auguro che la Commissione di Vigilanza Rai possa fare luce il prima possibile su questo ennesimo buco nero a viale Mazzini", conclude Gardini. (Pol-Ruf/AdnKronos)



(LaPresse) - "Il sondaggio Euromedia Research sul referendum costituzionale dice che il fronte dei no sta crescendo ed è arrivato al 53%. Non ci resta che far lavorare ancora un po' il premier Renzi e arriveremo quasi certamente al 60%. Il Presidente del Consiglio ha voluto personalizzare il voto e adesso gli italiani stanno rispondendo al suo appello: il no sarà forte e chiaro e sarà indirizzato al suo operato e di conseguenza alla sua riforma che non convince nessuno. Noi lo lasciamo lavorare sereno, perché al resto penseranno gli italiani". Così Elisabetta Gardini (capogruppo Forza Italia all'Europarlamento).