Comunicati

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie policy

 

Cookie
I cookie sono piccole porzioni di dati che vengono memorizzate e utilizzate per migliorare l'esperienza di utilizzo di un sito.
Ad esempio possono ricordare temporaneamente le tue preferenze di navigazione per evitarti di selezionare tutte le volte la lingua, rendendo quindi le visite successive più comode e intuitive.
Oppure possono servire per fare dei "sondaggi anonimi" su come gli utenti navigano attraverso il sito, in modo da poterlo poi migliorare partendo da dati reali.
I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

I cookie non sono virus o programmi

I cookie non sono virus o programmi. I cookie sono solamente dati salvati in forma testuale nella forma "variabile=valore" (esempio: "dataAccessoSito=2014-01-20,14:23:15″). Questi dati possono essere letti solamente dal sito che li ha generati, e in molti casi hanno una data di scadenza, oltre la quale il browser li cancellerà automaticamente.
Non tutti i cookie vengono utilizzati per lo stesso scopo: di seguito verranno specificate le diverse tipologie di cookie utilizzati da questo sito web.

Cookie indispensabili
Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi non potranno funzionare correttamente.

Performance cookie
Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ma non memorizzano informazioni che identificano un visitatore. Questi cookie vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento del sito web.
Utilizzando il sito l'utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

Cookie di funzionalità
I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall'utente (come la lingua o altre impostazioni speciali eventualmente disponibili) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate, e possono anche essere utilizzati per fornire i servizi richiesti. Utilizzando il sito l'utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC
Ogni browser consente di personalizzare il modo in cui i cookie devono essere trattati. Per ulteriori informazioni consultare la documentazione del browser utilizzato.
Alcuni browser consentono la "navigazione anonima" sui siti web, accettando i cookie per poi cancellarli automaticamente al termine della sessione di navigazione. Per ulteriori informazioni riguardo la "navigazione anonima" consultare la documentazione del browser utilizzato.

Google Analytics
Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google. Google Analytics utilizza i cookies per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web (compreso il Vostro indirizzo IP anonimo) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati.
Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l'elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en



Strasburgo, 13 settembre - "In una grande famiglia come il Ppe è normale avere delle spaccature, a seconda dei partiti e dei paesi di appartenenza". Lo afferma all'ANSA Elisabetta Gardini, capo delegazione Forza Italia al Parlamento Europeo, facendo riferimento al voto ieri alla Plenaria a Strasburgo sull'Ungheria. "Io ritengo che sia stata una pagina brutta del Parlamento Europeo che dimostra di avere gli occhi più puntati all'interno del palazzo piuttosto che fuori verso gli elettori che si stanno allontanando dalle istituzioni europee". Gardini aggiunge che "la Commissione si sta dimostrando un po' strabica perchè abbiamo sentito come giustificazione che non ci sarà solo l'Ungheria, e che probabilmente guarderanno anche alla Polonia, quindi Ppe, Ecr, ma non c'è niente che vada verso i Paesi dove ci sono i Socialisti". Secondo Gardini "quando si tratta di guardare ai Paesi che sono governati o dalla famiglia dell'Alde o semmai alla famiglia dei Socialisti tutto tace, quindi è evidente che c'è una forte marcatura ideologica ed un forte sbilanciamento". "Quello che mi è dispiaciuto - conclude - è che questo fermento o divisione nel Ppe ha fatto esultare anche l'estrema sinistra dell'Aula e questo per me vuol dire una nostra sconfitta ed una loro vittoria". (ANSA)

 



Bruxelles, 11 settembre - "Non riteniamo assolutamente che ci siano i requisiti per avviare l'articolo 7" del Trattato sull'Unione Europea nei confronti dell'Ungheria, come proposto dal rapporto Sargentini. Lo ha affermato la capodelegazione di Forza Italia nel Parlamento Europeo Elisabetta Gardini, durante il dibattito in aula a Strasburgo. Per Gardini, una decisione simile nei confronti di Budapest sarebbe "rischiosa" e altri Paesi, come Malta e la Slovacchia, potrebbero allora essere oggetto della medesima procedura. (Adnkronos)

 



Roma, 8 settembre - "Il governo ha tutta l'intenzione di durare 5 anni per stessa ammissione di Salvini e per volontà dei 5stelle. Abbiamo di fronte la possibilità di far capire che in Italia non esistono solo i cosiddetti populisti: ci sono temi popolari più vicini al popolo della demagogia dei 5stelle e questa cosa alle elezioni regionali ed europee deve emergere. Continuare a indebolire il nostro Paese attraverso la demolizione propagandistica del Governo è una azione autolesionista, prepolitica, che non trova equali in nessun altro Paese e che soprattutto limita la possibilità di intraprendere azioni forti e costruttive anche stando all'opposizione. Forse bisognerebbe smetterla coi proclami del "torna a casa Lessie" per mettersi a fare politica a livello nazionale e internazionale con l'obiettivo di restituire all'Italia un ruolo da protagonista in Europa". Così Elisabetta Gardini capo delegazione Forza Italia al Parlamento Europeo. (Dire)

 



Roma, 7 settembre - "Renzi stia attento a non vedere la pagliuzza nell'occhio altrui perdendo di vista la trave che alberga in casa sua. Cercare di combattere Salvini sul piano della magistratura significa che a sinistra non hanno ancora capito la lezione che la presa del potere non può avvenire per via giudiziaria ma deve necessariamente passare attraverso il consenso popolare espresso nelle urne. Dall'alto del proprio 18 per cento forse Renzi farebbe meglio a occuparsi di politica: meno slogan meno invettive e meno battute contro gli avversari politici e più proposte percorribili". Così Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia al Parlamento europeo. (9Colonne)

 



Roma, 7 settembre - "Non sappiamo ancora se sarà Manfred Weber lo Spitzencandidat del PPE perchè questo lo deciderà il congresso del partito popolare a Helsinki a novembre. Ma le reazioni scomposte, che già arrivano da alcuni esponenti del partito democratico, sono la dimostrazione che questa candidatura li mette di fronte alla loro cronica incapacità di ascoltare i cittadini. Per loro gli elettori sono sempre una massa da guidare, educare, rimproverare, qualche volta magari anche lodare, ma mai da ascoltare. Se li ascolti rischi la deriva populista!" Lo dicono Elisabetta Gardini capogruppo Forza Italia all'europarlamento e on. Lorenzo Cesa segretario nazionale Udc, di rientro dal Bureau del PPE tenutosi a Vienna". "Quello che ha detto Manfred Weber- aggiungono- è semplice e lineare. È quello di cui abbiamo parlato in questi giorni nelle giornate di studio a Vienna anche con Sebastian Kurz e con Pablo Casado: bisogna, partendo proprio dall'ascolto degli elettori, trovare risposte ai problemi che vanno affrontati avendo ben chiaro in mente qual è il nostro credo. Abbiamo il dovere di cambiare questa Europa. Per questo, come ha detto il capogruppo Ppe, la prossima campagna elettorale dovrà avere tra i temi centrali la questione identitaria. Per questo dovremo costruire ponti. Il Pd, come gran parte del gruppo socialista europeo, confonde popolarismo con populismo. Noi invece siamo orgogliosamente popolari e vogliamo fermare la deriva elitaria che ha portato l'Europa ad allontanarsi dal suo popolo. La sinistra - italiana o europea è lo stesso - continui pure a flirtare con le elites, diventi il partito delle ZTL di tutte le capitali: l'attrazione che sente per Macron le sarà fatale. A Gozi vorremmo poi ricordare che il pensiero di De Gasperi, Schuman e Adenauer è alla base della nascita dell'intero progetto europeo, ispirato dal pensiero popolare e non viceversa. Ed è da lì che vogliamo ripartire. Non a caso il tema identitario." (Dire)

 



Roma, 6 settembre - "Claudio Scimone, un talento che ha saputo far amare la musica barocca e sacra, promuovendo attraverso l’arte valori morali universali e modelli positivi. Tutto il mondo della musica piange oggi questa perdita, ma per chi come me è padovano è davvero una parte di noi che se ne va. Ci ha accompagnati dai tempi della giovinezza arricchendo la nostra vita. Ho avuto la fortuna di recitare con i Solisti Veneti, l’orchestra da camera da lui fondata, ‘Le Sette Ultime Parole di Cristo’ di Haydn. Ho conservato sempre quei momenti come tra i più preziosi della mia vita. Anche per questo continuerò a ringraziare il maestro Claudio Scimone e a pensare a lui come l’uomo tenace, determinato fino all’ultimo, che ha combattuto perché la musica fosse anche un metodo educativo: 'sia la musica d’ insieme' - come aveva a cuore di dire Scimone - "perché aiuta a imparare il rispetto reciproco, la collaborazione, l’amore, a perseguire lo stesso risultato, sia suonare individualmente perché è una grande portatrice di salute mentale, un sostituto della droga per le giovani generazione”. Lo dichiara Elisabetta Gardini, capogruppo Forza Italia all’Europarlamento. (LaPresse)

 



Roma, 3 settembre - "Le porte dell'Italia non sono quelle d'Europa solo quando si parla di migranti e gestione flussi. Siamo il confine d'Europa anche per tutte quelle vicende di politica internazionale che inevitabilmente si ripercuotono sul suolo europeo. Adesso l'Ue ha davvero più d'una ragione per mostrare unità d'intenti. Un caos in Libia probabilmente frutto di tutti quei problemi che si sono voluti ignorare o peggio delegare ad alcuni Stati Membri anzichè ad altri, dall'avventurismo francese all'immobilismo del Governo Renzi. Le politiche in Europa devono essere comuni e lo dovrebbero essere per definizione. Bene ha fatto il Governo italiano a smentire le voci dell'invio di Forze Speciali in Libia. Nessun "boots on the ground" improvvisato o fatto senza una strategia condivisa. Serve l'intervento dell'Europa soprattutto ora che sono in gioco interessi ben più grandi che mettono a nudo come sia inutile voler risolvere gli sbarchi senza pensare prima alla stabilità e all'equilibrio internazionale". Così in un post l'Onorevole Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia all'Europarlamento. (Dire)

 



Roma, 21 agosto - "Esprimo il mio sincero cordoglio per la morte di Vincino, satirista e dotato vignettista che ha riprodotto nelle sue celebri immagini i vizi e le virtù del nostro Paese. Con occhio attento ed eleganza ha saputo cogliere le contraddizioni della società e renderle con ironia. Per oltre vent'anni ha "colorato" le pagine del Foglio con illustrazioni pungenti e mai fuori luogo. Se ne va una mente brillante a cui è doveroso rendere omaggio". È quanto dichiara in una nota Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia al Parlamento Europeo. (AGI)

 



Torino, 14 agosto - "Reputo piuttosto gravi le affermazioni del senatore Alberto Airola che in un'intervista alla Stampa dichiara esplicitamente l'intenzione dei 5 stelle di voler fermare in tutti i modi la Tav. Questa è la conferma che Di Maio sulla Tav sta prendendo in giro gli italiani e che il partito dei No farà in modo di bloccare un'opera strategica per lo sviluppo del Paese, arrecando così un danno incalcolabile alla nostra economia. Così, in una nota, Elisabetta Gardini, europarlamentare di Forza Italia.(ANSA)

 



Torino, 8 agosto - "Bene ha fatto il presidente Berlusconi a ricordare al vicepremier Salvini che sul tema delle grandi opere si è già espresso in modo netto e in dissenso dalla politica scellerata dei M5S che non fare la Tav sarebbe andare contro i valori del centrodestra e contro l'Italia. Auspichiamo che la Lega non ceda alle posizioni irrazionali e antiprogresso dei 5stelle". Lo afferma Elisabetta Gardini, europarlamentare di Forza Italia. (ANSA)