Comunicati stampa

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie policy

 

Cookie
I cookie sono piccole porzioni di dati che vengono memorizzate e utilizzate per migliorare l'esperienza di utilizzo di un sito.
Ad esempio possono ricordare temporaneamente le tue preferenze di navigazione per evitarti di selezionare tutte le volte la lingua, rendendo quindi le visite successive più comode e intuitive.
Oppure possono servire per fare dei "sondaggi anonimi" su come gli utenti navigano attraverso il sito, in modo da poterlo poi migliorare partendo da dati reali.
I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l'uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l'applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

I cookie non sono virus o programmi

I cookie non sono virus o programmi. I cookie sono solamente dati salvati in forma testuale nella forma "variabile=valore" (esempio: "dataAccessoSito=2014-01-20,14:23:15″). Questi dati possono essere letti solamente dal sito che li ha generati, e in molti casi hanno una data di scadenza, oltre la quale il browser li cancellerà automaticamente.
Non tutti i cookie vengono utilizzati per lo stesso scopo: di seguito verranno specificate le diverse tipologie di cookie utilizzati da questo sito web.

Cookie indispensabili
Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Senza questi cookie alcuni servizi non potranno funzionare correttamente.

Performance cookie
Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ma non memorizzano informazioni che identificano un visitatore. Questi cookie vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento del sito web.
Utilizzando il sito l'utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

Cookie di funzionalità
I cookie consentono al sito di ricordare le scelte fatte dall'utente (come la lingua o altre impostazioni speciali eventualmente disponibili) e forniscono funzionalità avanzate personalizzate, e possono anche essere utilizzati per fornire i servizi richiesti. Utilizzando il sito l'utente accetta che tali cookie possono essere memorizzati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC
Ogni browser consente di personalizzare il modo in cui i cookie devono essere trattati. Per ulteriori informazioni consultare la documentazione del browser utilizzato.
Alcuni browser consentono la "navigazione anonima" sui siti web, accettando i cookie per poi cancellarli automaticamente al termine della sessione di navigazione. Per ulteriori informazioni riguardo la "navigazione anonima" consultare la documentazione del browser utilizzato.

Google Analytics
Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google. Google Analytics utilizza i cookies per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web (compreso il Vostro indirizzo IP anonimo) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati.
Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l'elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en



STRASBURGO - "Alessandra Mussolini e' riuscita a togliere la maschera alla sinistra e al Movimento 5 Stelle che volevano ampliare i diritti anche ai migranti climatici ed estendere la possibilita' di avere un permesso di residenza anche alle famiglie dei migranti che si sono formate dopo il loro arrivo sul territorio dell'Unione Europea, aprendo ad abusi e favorendo un incremento del flusso migratorio". E' quanto afferma la capodelegazione di Forza Italia al Parlamento europeo Elisabetta Gardini, dopo che nel voto di oggi sul permesso soggiorno al Parlamento europeo non e' passata la richiesta di includere nel regolamento anche i cosiddetti rifugiati climatici, ossia le persone costrette a raggiungere la Ue a causa degli effetti del cambiamento climatico. Sul tema ieri si era registrata una polemica tra la stessa Mussolini e la delegazione pentastellata al Parlamento europeo.(ANSA). 

 



(AdnKronos) - "Unità, coesione, chiarezza e credibilità delle persone. Se il centrodestra fonda la propria azione politica su questi elementi può competere anche per il governo del Paese e l'ha dimostrato nelle elezioni amministrative". È quanto sostiene Elisabetta Gardini, capogruppo di Forza Italia al Parlamento Europeo, intervenendo sul tema del voto nei Comuni italiani. "È presto per trarre un bilancio esaustivo poiché si deve attendere l'esito dei ballottaggi ma è sotto gli occhi di tutti che dove il centrodestra ha espresso candidature unitarie, provenienti dal basso, attorno a programmi chiari e trasparenti, con il coinvolgimento altresì del civismo innovatore e riformista, ha conquistato risultati confortanti", spiega. "L'Italia ha bisogno di politiche di centrodestra, in quanto gli italiani richiedono risposte concrete e tempestive alle loro priorità, ovvero sicurezza, contrasto all'immigrazione clandestina, crescita e lavoro, tutti argomenti dinanzi ai quali la sinistra e i grillini si voltano dall'altra parte poiché incapaci di affrontarli", sottolinea Gardini.

La capogruppo di Forza Italia in Europa volge poi lo sguardo ad un altro fattore emerso dalla consultazione elettorale del fine settimana: "Gli italiani si sono riscoperti bipolaristi, esigendo un filo diretto con amministratori capaci di basare il proprio operato su un autentico legame con il territorio, con passione e competenza. Ecco spiegato ad esempio il successo del nuovo sindaco di Conegliano Fabio Chies che nel comune trevigiano, assieme alla sua squadra, ha portato Forza Italia a superare il 17%. Tutto ciò è la dimostrazione che a fare la differenza sono le persone con i loro volti, la loro storia, la loro credibilità. E Forza Italia ha tanti bravi amministratori capaci di fare gli interessi dei cittadini. Per governare oggi i territori, domani il Paese, facendo sintesi con tutti coloro che non si rivedono nella sinistra", conclude Gardini.

 



(ANSA) - BOLZANO, 7 GIU - "Ora abbiamo le prove: il centrosinistra autonomista, al potere da decenni in Trentino Alto Adige, predica bene e razzola malissimo". Lo dice l'on. Elisabetta Gardini, Capogruppo di Forza Italia al Parlamento Europeo e Commissario di Forza Italia per il Trentino Alto Adige.

"Nel programma elettorale e sui giornali - dice Gardini del centrosinistra - si pronuncia a favore dell'equilibrio di genere e di una maggiore presenza femminile all'interno delle istituzioni democratiche, ma nei fatti si comporta in modo opposto. È di questi giorni un emendamento alla nuova legge elettorale promosso dai senatori autonomisti di Patt ed Svp Zeller e Panizza e depositato dall'onorevole del Pd Melilli, grazie al quale nella circoscrizione elettorale del Trentino Alto Adige non si applicherà l'obbligo di presentare le liste di candidati con un equilibrio di genere al 40/60%". "In pratica - conclude Gardini - uno schiaffo alle donne del centrosinistra autonomista pronte a candidarsi per le politiche (donne che, preme sottolineare, non si sono però pronunciate apertamente contro questa ennesima prova di forza maschile e maschilista). Il Trentino Alto Adige ancora una volta ultimo in tema di diritti ma primo in tema di pura gestione di posizioni di potere".(ANSA).

 



(AdnKronos) - "Fa bene il Presidente Zaia a tornare sul tema delle banche venete in difficoltà. Questo governo deve dare la prova di coraggio che il Governo Renzi non ha saputo dare. Infatti, a suo tempo Renzi impedì che nella vicenda di Banca Etruria, Banca Marche, Cari-Chieti e Cari-Ferrara intervenisse il Fondo interbancario perché la Commissione Europea lo riteneva un fondo pubblico, contrariamente a quanto pensava la stessa Banca d'Italia. La conclusione fu che le quattro banche fallirono. Con le banche venete questo non deve accadere. Deve intervenire il Fondo interbancario". Lo sottolinea, in una nota, Elisabetta Gardini, capogruppo Fi al Parlamento Europeo. "Se poi la Commissione insiste sulla sua interpretazione, si vada a dirimere la questione davanti alla Corte di Giustizia - sottolinea - Per quanto riguarda i crediti deteriorati, che senso ha "vendere a sconto" ai grandi fondi di investimento? Molto meglio che le banche li gestiscano da sole. In questo modo, non solo le famiglie e le imprese vedranno estinti i loro debiti invece di vederli trasferiti agli acquirenti ma, secondo uno studio di Banca d'Italia, le banche che negoziano in proprio nel medio periodo ci guadagnano di più".

 



(DIRE) Roma, 30 mag. - "L'appello di Silvio Berlusconi alla coesione del centrodestra deve essere raccolto da tutte le forze politiche che si riconoscono in questa grande famiglia. Come sta accadendo per le amministrative, l'unione del centrodestra è necessaria anche per le elezioni politiche. Così, l'europarlamentare e capogruppo di Forza Italia, Elisabetta Gardini, che aggiunge: "Lo dobbiamo ai cittadini che hanno bisogno di una guida politica capace e responsabile. Il centrodestra deve rilanciare il suo progetto per ricostruire l'Italia che in questi anni è stata schiaffeggiata dai governi a maggioranza Pd".

 



(DIRE) Roma, 27 mag. - "La Sicilia ha accolto i potenti del mondo e ha fatto fare una straordinaria figura all'Italia. Questo G7 e' stato indirettamente uno grande spot per il nostro territorio, per le nostre bellezze e per il nostro patrimonio che rimarra' nel tempo". Cosi' l'europarlamentare e capogruppo di Forza Italia Gardini, che aggiunge: "Solo nel Bel Paese si puo' immaginare di fare una foto di gruppo in un Teatro Antico e suggestivo come quello di Taormina. E solo in Italia si possono vedere tante first lady abbagliate dai capolavori di Caravaggio e Antonello da Messina come e' accaduto con la geniale mostra Unescosites ospitata a palazzo Corvaja". "L'Italia- conclude Gardini- ha un patrimonio assoluto che deve essere valorizzato e fatto conoscere al mondo intero come e' stato fatto in queste ore in Sicilia. Farlo significa creare ricchezza e prestigio internazionale".

 



 (LaPresse) - "Volevo esprimere la mia vicinanza alla famiglia di Laura Biagiotti, scomparsa questa notte. La stilista romana è stata una delle poche donne a valorizzare in modo eccelso il made in Italy a livello internazionale. Grazie a lei la moda italiana è arrivata dappertutto, le sue creazioni sono state veri e propri capolavori per cui non smetteremo mai di ringraziarla. Condoglianze alla famiglia e ancora un grazie di cuore a una grande donna che ci ha resi orgogliosi di essere italiani".
 



(ANSA) - BRUXELLES, 15 MAG - Sulla gestione dell'immigrazione, "la percezione e' che l'Italia stia subendo un fenomeno drammatico e che non ci sia una governance concreta". E' quanto afferma la capodelegazione di Forza Italia al Parlamento europeo, Elisabetta Gardini, alla vigilia di una discussione in plenaria a Strasburgo sul tema dei ricollocamenti dei migranti da Italia e Grecia. Dopo il dibattito sara' chiuso un testo di risoluzione che andra' al voto giovedi'. Gardini fa riferimento in particolare a uno studio commissionato dalla commissione liberta' civili dell'eurocamera per supportare il lavoro dei parlamentari nell'affrontare il tema. Studio, realizzato da un team di ricercatori esterni e pubblicato dal dipartimento per i diritti del cittadino, dove tra le "sfide principali" dell'Italia nelle pratiche amministrative si evidenzia la "mancanza di preparazione e coordinamento" delle varie agenzie impegnate nel processo dei ricollocamenti e le "procedure farraginose". Per Gardini "il fenomeno non viene affrontato dal governo italiano in modo responsabile". L'eurodeputata sottolinea ad esempio il fatto che "non ci sono protocolli cui le forze dell'ordine si possano attenere in sicurezza per prendere le impronte digitali a chi si rifiuta" e denuncia "l'irresponsabilita' di questo governo che si nasconde dietro dichiarazioni di massima ma poi non fa niente"

 



(AdnKronos) - ''Le dichiarazioni del presidente Silvio Berlusconi non devono sorprendere. Le elezioni si vincono con programmi importanti e ambiziosi, ma che soprattutto vadano incontro ai bisogni della gente. Flat tax per tutti e pensioni minime a 1000 euro. Al contrario degli altri partiti, che stanno pensando a alleanze, giochi di palazzo, leggi elettorali che portino un diretto tornaconto, incarichi e poltrone, Berlusconi e con lui Forza Italia sono già al lavoro per proporsi agli italiani con le idee chiare. Lo ha dichiarato Elisabetta Gardini, europarlamentare e capogruppo di Forza Italia a Strasburgo. "Bisogna restituire potere d'acquisto e dignità ai ceti medio bassi e far ripartire le imprese. Abbattere le tasse sarà la nostra priorità. Berlusconi ha ragione: con queste misure riporteremo a votare tutti i moderati che in questi anni si sono astenuti e potremo vincere le prossime elezioni'', conclude Gardini.

 



 (DIRE) Roma, 7 mag. - "Non sono stati sufficienti i riflettori puntati sugli sbarchi e sulle Ong per ridestare il governo da questo lungo sonno.

Anche oggi arriveranno in Italia oltre 3mila immigrati che andranno ad infoltire un esercito di irregolari che l'Italia non puo' piu' sostenere. L'inerzia del governo di fronte a questo fenomeno lascia basiti e in attesa delle indagini della magistratura sui presunti rapporti tra scafisti e Ong invito il premier Gentiloni a porre in essere una strategia in grado di tutelare le nostre citta' e le nostre comunita' ormai assediate. Il governo italiano se non e' in grado si attivi e si faccia aiutare da quello libico, chieda l'intervento del Consiglio di Sicurezza dell'Onu e dell'Europa che fino ad oggi si e' attivata con sufficienza e mal volentieri. L'Italia non puo' essere il paese del ben godi per scafisti e immigrati e deve reagire ad una situazione non piu' tollerabile".